mondosvezia

Un forum per chi ama la Svezia e i paesi scandinavi. Utile per chi cerca informazioni sui viaggi, cucina locale, cultura, tradizioni, lingua e altro.
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 la condizione femminile in Svezia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
spidernik84
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 554
Età : 33
Localizzazione : Somewhere in Sweden
Data d'iscrizione : 24.04.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 12:46 pm

Rimini57 ha scritto:

Non bisogna andare all'estero Nik.
Io ho vissuto la mia gioventù, insomma fino a ieri, a Rimini, famosa per il divertimento e il turismo.
E da esperienza diretta e indiretta ti assicuro che addirittura le italiane erano più facili.
Senz'altro hai ragione. Non è l'aspetto geografico ma il contesto socio-culturale.

Per Ele: ovviamente si parla di esperienze, non era mia intenzione generalizzare. Resta il fatto che, in larga parte, la femmina italica tende ad un forzato pudore per il terrore di esser giudicata e dunque potenzialmente isolata. Lontano da occhi indiscreti, che sia Rimini, che sia oltreconfine, le inibizioni saltano.
E non è detto che sia il pudore estremo ad esser la scelta più sensata. Lungi da me qualsivoglia giudizio, pertanto.
Mi lascia solo perplesso constatare come sia generalmente difficile approcciare una ragazza, quantomeno nel nord-Italia, per tutta una questione di meccanismi, limitazioni, paure e schemi mentali quando si tratta del normale esercizio di una funzione essenziale per l'essere umano quale è la "socializzazione". Questa non è prerogativa delle sole donne, chiaro, ma di tutto un sistema che onestamente non capisco. Mi fermo, andrei in OT.
Tornare in alto Andare in basso
http://spidernik84.altervista.org
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 1:54 pm

Spider, ma quindi dici che è più facile approcciare una ragazza qui? Sono curiosa perché se da un senso pare di vedere che quando bevono sono super-aperti, nella quotidianeità mi sembrano molto più chiusi di italiane/i, specialmente se sei straniero.

Effettivamente in Italia appena uno approccia si pensa che ci stia provando, ma forse è anche colpa dei alcuni broccolatori italici che ci provano ad area.. Una dopo qualche anno si stufa anche Laughing

Ora che ci penso da questo punto di vista hai ragione, qui c'è meno la mentalità del broccolaggio del weekend quindi se una esce non viene attaccata da tutti i fronti solo perché donna.
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
Varg
Gufo
Gufo
avatar

Numero di messaggi : 152
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:05 pm

Ele ha scritto:
Io l'ho vista più come un'invidia inconscia della loro libertà, della serie anche io vorrei poter cazzeggiare ubriaca in metropolitana vestita come mi pare e fregandomene di tutto ma non si può.

e questa sarebbe la libertà femminile del nord?
ubriacarsi e adottare tutti i comportamenti idioti che per secoli sono stai prerogativa degli uomini? se le donne vedono come una conquista simili comportamenti poi non mi vengano più a chiedere perchè considero la maggior parte delle femmine esseri inferiori..
se fossi una donna preferirei la catena al collo, che avere la libertà di ruttare in giro in faccia alla gente e darmi alle libertinate che neanche i più insulsi fescennini descrivono Wink
Tornare in alto Andare in basso
spidernik84
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 554
Età : 33
Localizzazione : Somewhere in Sweden
Data d'iscrizione : 24.04.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:17 pm

Ele ha scritto:

Effettivamente in Italia appena uno approccia si pensa che ci stia provando, ma forse è anche colpa dei alcuni broccolatori italici che ci provano ad area.. Una dopo qualche anno si stufa anche Laughing

Ora che ci penso da questo punto di vista hai ragione, qui c'è meno la mentalità del broccolaggio del weekend quindi se una esce non viene attaccata da tutti i fronti solo perché donna.
Esattamente, quoto entrambi i punti.
Penso sia una reazione difensiva. Nel contesto italiano c'è il tacchinaggio a tappeto: fallisci con una, sotto con la prossima. E' naturale che la donna sia costretta ad una severa selezione iniziale "ad occhio".
In Svezia tendenzialmente la donna non si aspetta il primo passo del maschio, va da sè che è lei a muoversi per prima, consapevole che "da Venerdì a Domenica è caccia aperta, mentre durante la settimana non se ne parla". Per questa ragione l'approccio da parte del maschio, specialmente durante la settimana e in assenza dei fumi disinibitori dell'alcool, è per la donna svedese assai spiazzante.

Tornando alla chiusura Italiana: il problema è che questa chiusura di fondo interessa qualsiasi rapporto sociale. Quante volte ci si ritrova in un locale con la stessa compagnia, totalmente incapaci di approcciare altri gruppi di persone?
Vuoi per la musica alta, vuoi per il senso di isolamento delle micro-comunità, conoscere gente nuova è dannatamente difficile. Innaturale.
Finisce spesso, a metà serata, che un membro della compagnia si fa avanti proponendo il cambio di locale, nell'illusoria speranza che una variazione nello spazio rimescoli le carte.

Tornare in alto Andare in basso
http://spidernik84.altervista.org
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:29 pm

Varg ha scritto:
Ele ha scritto:
Io l'ho vista più come un'invidia inconscia della loro libertà, della serie anche io vorrei poter cazzeggiare ubriaca in metropolitana vestita come mi pare e fregandomene di tutto ma non si può.

e questa sarebbe la libertà femminile del nord?
ubriacarsi e adottare tutti i comportamenti idioti che per secoli sono stai prerogativa degli uomini? se le donne vedono come una conquista simili comportamenti poi non mi vengano più a chiedere perchè considero la maggior parte delle femmine esseri inferiori..
se fossi una donna preferirei la catena al collo, che avere la libertà di ruttare in giro in faccia alla gente e darmi alle libertinate che neanche i più insulsi fescennini descrivono Wink

Varg, quello che molte donne vogliono è poter fare quello che vogliono senza essere giudicate. Questo include molte cose, dal diventare CEO di grandi aziende rinunciando magari alla famiglia, diventare ricercatrici di successo o magari ubriacarsi con le amiche e scoparsi chi vogliono.
Se questo ti crea scompensi mi dispiace, hai un motivo in più per andare in Svezia, vedrai come ti raddrizzano le donne svedesi Smile
Donne che desiderano ruttare in faccia alla gente non ne conosco, però si sa mai, il mondo è vasto.
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:32 pm

spidernik84 ha scritto:

Tornando alla chiusura Italiana: il problema è che questa chiusura di fondo interessa qualsiasi rapporto sociale. Quante volte ci si ritrova in un locale con la stessa compagnia, totalmente incapaci di approcciare altri gruppi di persone?
Si, è vero! Ma dici che qui è diverso?
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
Varg
Gufo
Gufo
avatar

Numero di messaggi : 152
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:35 pm

delle donne svedesi non mi importa assoutamente nulla..tra un anno mi sposo e ciao ciao.
però quando sento parlare della libertà nordica sempre le stesse cose mi sento dire, che possono comportarsi come gli uomini (wow, che vanto!) e che sono sessualmente libere, o cavolate di questo genere insomma.
libertà è potersi esprimere senza sentirsi derise in quanto donne, libertà di pensiero e azione, di facoltà mentali, non di andare a letto con chiunque...
pare che sto sesso sia diventato il cardine primo della vita, ma al diavolo!
Tornare in alto Andare in basso
thedeerlover
Tasso
Tasso
avatar

Numero di messaggi : 86
Età : 29
Localizzazione : Napoli
Data d'iscrizione : 10.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:36 pm

Ele ha scritto:
Varg, quello che molte donne vogliono è poter fare quello che vogliono senza essere giudicate. Questo include molte cose, dal diventare CEO di grandi aziende rinunciando magari alla famiglia, diventare ricercatrici di successo o magari ubriacarsi con le amiche e scoparsi chi vogliono.
Se questo ti crea scompensi mi dispiace, hai un motivo in più per andare in Svezia, vedrai come ti raddrizzano le donne svedesi Smile
Donne che desiderano ruttare in faccia alla gente non ne conosco, però si sa mai, il mondo è vasto.

Quello che voleva dire è che se ubriacarsi e vestirsi come volete per voi sono grandi conquiste, allora avete orizzonti abbastanza corti.
Tornare in alto Andare in basso
Varg
Gufo
Gufo
avatar

Numero di messaggi : 152
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:39 pm

thedeerlover ha scritto:

Quello che voleva dire è che se ubriacarsi e vestirsi come volete per voi sono grandi conquiste, allora avete orizzonti abbastanza corti.

hahaha esattamente Razz
Tornare in alto Andare in basso
Katt
Aringa
Aringa
avatar

Numero di messaggi : 9
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:40 pm

Varg ha scritto:
Ele ha scritto:
Io l'ho vista più come un'invidia inconscia della loro libertà, della serie anche io vorrei poter cazzeggiare ubriaca in metropolitana vestita come mi pare e fregandomene di tutto ma non si può.

e questa sarebbe la libertà femminile del nord?
ubriacarsi e adottare tutti i comportamenti idioti che per secoli sono stai prerogativa degli uomini? se le donne vedono come una conquista simili comportamenti poi non mi vengano più a chiedere perchè considero la maggior parte delle femmine esseri inferiori..
se fossi una donna preferirei la catena al collo, che avere la libertà di ruttare in giro in faccia alla gente e darmi alle libertinate che neanche i più insulsi fescennini descrivono Wink
si infatti voi maschi vi dovete solo vergognare dei vostri comportamenti. Noi saremmo ridicole se lo facciamo......però pure voi non scherzate Cool
Tornare in alto Andare in basso
Varg
Gufo
Gufo
avatar

Numero di messaggi : 152
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:42 pm

Setsuna Meio ha scritto:

si infatti voi maschi vi dovete solo vergognare dei vostri comportamenti. Noi saremmo ridicole se lo facciamo......però pure voi non scherzate Cool

non è certo una scusa...se imitare i comportamenti idioti degli uomini per voi è una conquista significa che siete nettamente inferiori.
Tornare in alto Andare in basso
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 2:58 pm

Ho capito cosa voleva dire, il punto è che lui non ha capito cos'ho detto io, chi ha mai detto che per noi le grandi conquiste sono il bere e il sesso libero? Shocked

S'è fatto un esempio di chiusura mentale di una persona (la mia amica che con del gran "uvavolpismo" secondo me sputava su qualcosa che desiderava) e salta fuori che la maggior parte delle donne sono esseri inferiori che vogliono ruttare in faccia alla gente Shocked
Cosa c'è di sbagliato poi nel voler il sesso libero non l'ho ben capito, mi sembra un discorso da provincialotto delle dolomiti, di quelli che qui spero ben di non sentire.
Magari non desiderare ALTRO nella vita che ubriacarsi in metropolitana è un pelo triste, su questo siamo d'accordo... Ma il desiderare di essere considerate alla pari nel mondo del lavoro, nella società, desiderare di essere pagate come gli uomini, desiderare di essere apprezzate allo stesso modo e desiderare di divertirsi come si desidera (questo può voler dire passare il pomeriggio con i figli, scrivere un trattato sui dialetti del greco antico oppure fare scambismo in un locale sadomaso) mi sembra il minimo, ed è quello di cui IO sto parlando.

Beh, direi che mi sono spiegata abbastanza, non aggiungo altro Smile
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
spidernik84
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 554
Età : 33
Localizzazione : Somewhere in Sweden
Data d'iscrizione : 24.04.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 3:05 pm

Ele ha scritto:

Si, è vero! Ma dici che qui è diverso?
A quanto mi è parso di capire, sì. Chiaramente non ti zompano addosso cani e porci desiderosi di fare la tua conoscenza, ma basta un sorriso, un gesto come l'alzare il bicchiere per brindare a loro, e gli sconosciuti vengono a scambiare due parole con te. Ovviamente nel weekend, quando l'alcool è già in circolo.
Quello che vorrei per l'Italia è una via di mezzo tra la socievolezza quotidiana che in Svezia a volte manca e l'apertura incondizionata che gli svedesi dimostrano nel fine-settimana. Poter conoscere una persona in un locale senza attivare incredibili meccanismi autodifensivi.
Tornare in alto Andare in basso
http://spidernik84.altervista.org
Joakim
Renna
Renna
avatar

Numero di messaggi : 432
Localizzazione : världen
Data d'iscrizione : 02.12.08

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 3:06 pm

Inserisco un elemento politico alla discussione...


La laicità dello Stato passa sopratutto dalla laicità di ognuno di noi. Avere un approccio laico non significa essere a favore del libertinismo e essere contrari a ogni forma di coppia, o cose del genere. Ma significa sentirsi liberi di fare quel che si vuole e pensare che gli altri siano liberi nelle proprie scelte. Purtroppo in alcuni interventi che leggo non vedo questo "approccio laico": si disquisisce se il libertinismo sia una conquista sociale o no, o se si condivide. Insomma siamo sempre lì: la sfera privata per molti italiani è passibile di pubblico giudizio. Finchè non progrediamo sotto questo punto di vista l'Italia non cambierà mai.

Sul sesso volevo dire una cosa: non so se sia una "conquista sociale" o meno. Però, io Alessandro potrò scegliere che fare del mio apparato genitale, o no?

Sul comportamento disinibito delle donne italiane all'estero: ho notato anche io questa cosa. A volte quando vedo certi loro atteggiamenti all'estero dentro di me mi viene da pensare "povere loro che in Italia devono sottostare ai comportamenti degli sfigati sessisti che le circondano".
Tornare in alto Andare in basso
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 3:19 pm

AlexilGrande ha scritto:
Avere un approccio laico non significa essere a favore del libertinismo e essere contrari a ogni forma di coppia, o cose del genere. Ma significa sentirsi liberi di fare quel che si vuole e pensare che gli altri siano liberi nelle proprie scelte.
Sono d'accordo, quello che secondo me qui è più facile da ottenere che in Italia è la liberta di fare quello che si vuole senza essere giudicati, ovviamente senza danneggiare gli altri... Sia essa la volontà di libertineggiare o di sposarsi e crescere 5 figli in un cottage di provincia Very Happy

Citazione :
Quello che vorrei per l'Italia è una via di mezzo tra la socievolezza quotidiana che in Svezia a volte manca e l'apertura incondizionata che gli svedesi dimostrano nel fine-settimana. Poter conoscere una persona in un locale senza attivare incredibili meccanismi autodifensivi.

D'accordissimo!
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
thedeerlover
Tasso
Tasso
avatar

Numero di messaggi : 86
Età : 29
Localizzazione : Napoli
Data d'iscrizione : 10.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 3:49 pm

Si può nascere in Italia ed essere laici, non nascere in Italia ed avere un approccio laico, personalmente non sono credente, ma dire che anni di, non so bene come chiamarlo, indottrinamento non hanno influenzato la mia/vostra persona è assurdo, non che io sia a favore della clausura delle donne, contro il sesso libero, il preservativo o altro, però è evidente al mondo che il cristianesimo, la chiesa e parecchie puttanate sono parte della nostra cultura, cosa che non è in Spagna o nell'est europa.
Tornare in alto Andare in basso
Varg
Gufo
Gufo
avatar

Numero di messaggi : 152
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 3:53 pm

ah dio, sono partito da alcune cose dette da ele per andare in un discorso generale, più ampio. non astavo attaccando nè te, nè l'intero genere femminile.
poi vabbè, sono un provincialotto delle dolomiti! Laughing
Tornare in alto Andare in basso
Rimini57
Lupo
Lupo
avatar

Numero di messaggi : 305
Età : 59
Localizzazione : Stockholm - Bromma
Data d'iscrizione : 25.07.09

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 4:03 pm

Ele ha scritto:

Sono d'accordo, quello che secondo me qui è più facile da ottenere che in Italia è la liberta di fare quello che si vuole senza essere giudicati

Quoto Ele in tutti i suoi post.
Cosa dire di una ragazza che mi ha regalato rose rosse per il mio compleanno?
Semplici amici.
In Italia, come MASCHIO avrei pensato che ci stava provando.
Qui mi ha spiegato che è normale anche fra amici, anche le donne usano regalare rose, perchè no, se è un fiore che a loro piace?
Aspettarsi solo i crisantemi?

Ciao

Santo
Tornare in alto Andare in basso
Katt
Aringa
Aringa
avatar

Numero di messaggi : 9
Età : 24
Localizzazione : Veneto
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 9:04 pm

Varg ha scritto:
tra un anno mi sposo e ciao ciao.
*.*
Tornare in alto Andare in basso
spidernik84
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 554
Età : 33
Localizzazione : Somewhere in Sweden
Data d'iscrizione : 24.04.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 9:15 pm

"Al mio segnale, scatenate l'inferno"[cit.]

Tornare in alto Andare in basso
http://spidernik84.altervista.org
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 10:18 pm

spidernik84 ha scritto:
"Al mio segnale, scatenate l'inferno"[cit.]


Laughing
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
stockolasvezia
Volpe
Volpe


Numero di messaggi : 117
Data d'iscrizione : 18.06.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Mer Gen 05, 2011 11:53 pm

Ele ha scritto:
AlexilGrande ha scritto:
Avere un approccio laico non significa essere a favore del libertinismo e essere contrari a ogni forma di coppia, o cose del genere. Ma significa sentirsi liberi di fare quel che si vuole e pensare che gli altri siano liberi nelle proprie scelte.
Sono d'accordo, quello che secondo me qui è più facile da ottenere che in Italia è la liberta di fare quello che si vuole senza essere giudicati, ovviamente senza danneggiare gli altri... Sia essa la volontà di libertineggiare o di sposarsi e crescere 5 figli in un cottage di provincia Very Happy




Quindi dici che la tua amica non ha sentito troppa concorrenza (e che concorrenza!!) intorno ma ha sperimentato solo qualche linea di febbre uvavolpite…beh anche quello ci sarebbe.Comunque tutte ste donne ubriache io non le ho incontrate.Eppure uso la tunnelbana come una volta usavo la la vespa.
Adesso però non è che in Italia le donne siano così represse o vivano in ambienti medievali.
Poi ci sarà sempre il paesino o paesone del sud Italia che avrà i suoi regolamenti non scritti, ma in definitiva la condizione generale non è così arretrata come la si vorrebbe far passare.
Tornare in alto Andare in basso
misslady
Aringa
Aringa


Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 17.01.11

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Lun Gen 17, 2011 3:03 pm

Non so se sia totalmente IT però volevo chiedere una cosa che cmq centra con la condizione femminile...dal punto di vista della sicurezza, come può comportarsi una donna in svezia?
Per fare un esempio: quando c'è buio si può uscireda sole e non rischiare di essere disturbate (al minimo) da qualcuno? oppure uscire di casa da sole è rischioso?
Qui in italia secondo me la situazione su questo fronte è pessima, mi chiedevo se anche in svezia fosse così...
Tornare in alto Andare in basso
spidernik84
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 554
Età : 33
Localizzazione : Somewhere in Sweden
Data d'iscrizione : 24.04.10

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Lun Gen 17, 2011 3:24 pm

misslady ha scritto:

Qui in italia secondo me la situazione su questo fronte è pessima, mi chiedevo se anche in svezia fosse così...
Non sei OT Smile.
Parlo da maschio, quindi non ci faccio troppo caso. Le ragazze girano anche da sole, quantomeno in tunnelbana, senza nessun tipo di "scorta". Spesso sono pure attraenti e già pronte per l'abuso, da tanto che sono svestite (permettetemi la battuta).
Non ho idea se si tratti di "incoscienza del rischio" o "coscienza della sicurezza", sta di fatto che non sembrano percepire pericolo.
Stoccolma è tappezzata di telecamere, pertanto dubito che in zone frequentate qualcuno si permetta di mettere le mani addosso a qualche ragazza.

Un sabato sera ho assistito ad una scena piuttosto significativa a Medborgarplatsen: delle ragazze erano fuori da un locale a fumare, ad un certo punto si è avvicinato loro un tipo probabilmente alticcio. Si è limitato a parlare e non ricordo ci fosse stato contatto fisico di alcun tipo.
Tempo due minuti di orologio e si sono materializzate due poliziotte che l'hanno condotto al muro, l'hanno immobilizzato, perquisito e presumo "interrogato sul posto".

So di ragazze straniere che chiedono, su vari forum, dove recuperare lo spray al peperoncino. Spray che, oltretutto, è pure illegale in Svezia (infatti è più o meno introvabile). Non so se lo sia per questioni di scarsa richiesta o per altre motivazioni.

Quindi sì, la sicurezza è maggiore per diversi ordini di grandezza rispetto all'Italia (anche perché qui ti menano e perseguono se sgarri), ma occhi aperti sempre che la sicurezza assoluta non esiste.
Tornare in alto Andare in basso
http://spidernik84.altervista.org
misslady
Aringa
Aringa


Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 17.01.11

MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   Lun Gen 17, 2011 3:59 pm

spidernik84 ha scritto:

Non sei OT Smile.
Parlo da maschio, quindi non ci faccio troppo caso. Le ragazze girano anche da sole, quantomeno in tunnelbana, senza nessun tipo di "scorta". Spesso sono pure attraenti e già pronte per l'abuso, da tanto che sono svestite (permettetemi la battuta).
Non ho idea se si tratti di "incoscienza del rischio" o "coscienza della sicurezza", sta di fatto che non sembrano percepire pericolo.
Stoccolma è tappezzata di telecamere, pertanto dubito che in zone frequentate qualcuno si permetta di mettere le mani addosso a qualche ragazza.

Un sabato sera ho assistito ad una scena piuttosto significativa a Medborgarplatsen: delle ragazze erano fuori da un locale a fumare, ad un certo punto si è avvicinato loro un tipo probabilmente alticcio. Si è limitato a parlare e non ricordo ci fosse stato contatto fisico di alcun tipo.
Tempo due minuti di orologio e si sono materializzate due poliziotte che l'hanno condotto al muro, l'hanno immobilizzato, perquisito e presumo "interrogato sul posto".

So di ragazze straniere che chiedono, su vari forum, dove recuperare lo spray al peperoncino. Spray che, oltretutto, è pure illegale in Svezia (infatti è più o meno introvabile). Non so se lo sia per questioni di scarsa richiesta o per altre motivazioni.

Quindi sì, la sicurezza è maggiore per diversi ordini di grandezza rispetto all'Italia (anche perché qui ti menano e perseguono se sgarri), ma occhi aperti sempre che la sicurezza assoluta non esiste.
Grazie della risposta! Forse a settembre verrò per 5 mesi a goteborg e dato che sarò da sola (almeno inizialmente, non conoscendo nessuno) la questione della sicurezza per una ragazza mi preme abbastanza. Anche perchè, essendoci poche ore luce in autunno/inverno, le ore di uscita libera da casa si ridurrebbero tremendamente... Laughing
Si sente dire che nei paesi nordici c'è più sicurezza, ma io che ho sempre vissuto in italia non so bene se questa sicurezza sia fittizia o reale, se ad uscire da sola rischio di essere """infastidita""".
Qui in italia non penserei mai mai mai di prendere di sera la metro o qualsiasi mezzo pubblico da sola...mi vengono i brividi solo a pensarci Rolling Eyes
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: la condizione femminile in Svezia   

Tornare in alto Andare in basso
 
la condizione femminile in Svezia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» la condizione femminile in Svezia
» Condizione femminile Svezia
» Vacanze lavoro in Svezia!
» Lavorare in svezia nel periodo estivo
» Speciallizarsi in svezia, dopo la laurea in Italia.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
mondosvezia :: Vivere in Svezia :: ...e noi vorremmo trasferirci!-
Andare verso: