mondosvezia

Un forum per chi ama la Svezia e i paesi scandinavi. Utile per chi cerca informazioni sui viaggi, cucina locale, cultura, tradizioni, lingua e altro.
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Ciao a tutti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
matcip
Aringa
Aringa


Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 09.10.11

MessaggioTitolo: Ciao a tutti   Dom Ott 09, 2011 3:25 pm

Salve a tutti,

mi presento timidamente in questo forum. Sono un trentenne fresco fresco di Roma. Sfiduciato e scoraggiato sto cercando una salvezza che è utopia. Faccio ricerche di lavoro e mando CV mattina e sera e questo è il mio spazio per fantasticare. Mi rivolgo qui per avere maggiori informazioni sulla situazione in Svezia. Non ho nessuna velleità di lavoro specifico: ho esperienza un po in tutto e allo stesso tempo in niente. Barista, cameriere, commesso o quant'altro...Quale città con più possibilità?? Consigli?? Suggerimenti??
Se può servire ho una laurea in scienze della comunicazione (rido anche io) e un master in economia diversi stage in azienda alle spalle...ma non credo sia utile...vi saluto e vi ringrazio in anticipo.

Matteo
Tornare in alto Andare in basso
Bad Grass
Amministratore
Amministratore


Numero di messaggi : 376
Età : 37
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 02.08.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Dom Ott 09, 2011 5:06 pm

Välkommen! cheers

I tuoi dubbi saranno largamente sanati attraverso la lettura di tutti i thread precedenti al tuo, visto che sono domande molto comuni.
In estrema sintesi: per lavorare in Svezia o si va in campo accademico (PhD, ricercatore ,ecc) oppure si deve imparare la lingua, per quasi qualunque lavoro. Senza parlare un buon svedese, non ci sono speranze.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.rinascitaalnord.splinder.com/
matcip
Aringa
Aringa


Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 09.10.11

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Dom Ott 09, 2011 8:54 pm

Ti ringrazio della pronta risposta...leggerò con pazienza i diversi thread; ho preso lo spunto per presentarmi!!!
La volontà e l'impegno è l'unica arma che ho; è molto difficile imparare la lingua?? Si può già imparare da qua? Si può apprendere in qualche modo? Ci sono comunità di italiani?
Tornare in alto Andare in basso
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1305
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Dom Ott 09, 2011 8:59 pm

Benvenuto!!!
Tornare in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
Bad Grass
Amministratore
Amministratore


Numero di messaggi : 376
Età : 37
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 02.08.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Lun Ott 10, 2011 5:23 pm

matcip ha scritto:
è molto difficile imparare la lingua?? Si può già imparare da qua? Si può apprendere in qualche modo? Ci sono comunità di italiani?

Dipende: secondo me lo svedese è tra le più facili ma, come qualunque lingua, di solito occorrono anni prima di padroneggiarla bene.
Poco: se non hai occasione di leggerla, sentirla, parlarla tutto il giorno, impari ovviamente molto poco.
Studiando.
Che io sappia, non esattamente. Ci sono degli italiani, che magari si conoscono e si frequentano pure. Come ovunque nel mondo e per qualunque popolo, le persone simili tendono ad aggregarsi.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.rinascitaalnord.splinder.com/
yngwina
Orso
Orso
avatar

Numero di messaggi : 269
Età : 39
Data d'iscrizione : 30.05.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Lun Ott 10, 2011 5:39 pm

benvenuto madcip
abbiamo un male comune anche io sono di Roma...
cioe male che ti capisco capisco che dici anche io sono sfiduciata e depressa spesso
e´molto deprimente quello che spesso Roma offre specie ai giovani senza spintarelle e contatti
Io non sono laureata ma come te ho esperienze di tutto e niente perche´spesso sai come si lavora a Roma in nero e magari una settimanella ecc senza referenze scritte per me era un casino pure scrivere i mio cv in svedese
Non e´facile trovare lavoro lo ammetto e forse pure partire allo sbaraglio non e´coscente
Io ammetto che lo feci ma tanti anni fa, avevo 26 anni e gia mi sentivo vecchia
Non so se ero incoscente ,matta o razionale che nelle cose piu irrazionali poi ho fatto le scelte piu giuste
cmq anni fa era piu facile piu passan gli anni e piu diventa tutto difficile
Cmq nn e´come Londra o Berlino che ci sono comunita italiane..una a Göteborg c e ma per i 60 enni pensionati di Volvo
Cioe e´diverso io personalmente nn ho nessun contatto con italiani se non questo forum perche´mi pare che gli italiani si fanno parecchio i cazzi propri qua o forse siamo troppo pochi o entrambi
Tornare in alto Andare in basso
https://tiziainsvezia.wordpress.com/
vladimir
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 526
Data d'iscrizione : 11.04.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Lun Ott 10, 2011 6:20 pm

dipende cosa intendete per comunità... se intendete un quartiere tipo little Italy, ovviamente no. Però esistono diverse associazioni di Italiani. Una in particolare ci ha salvato la vita durante il primo autunno di isolamento depressogeno. Specialmente per mia moglie che stava sul punto di tornare indietro...
V.
Tornare in alto Andare in basso
matcip
Aringa
Aringa


Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 09.10.11

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Mar Ott 11, 2011 12:40 am

Vi ringrazio delle pronte risposte.

@yngwina: hai perfettamente capito lo spirito che tira qui; mi fa piacere essere compreso anche se non sono mai stato del partito "mal comune, mezzo gaudio"; contento che tu abbia trovato le risposte giuste nelle scelte irrazionali. Forse il mio più grande rammarico è proprio quello di essere stato razionale. Immaginandomi in Svezia, sarei consapevole di trovare difficoltà e non trovare il paese dei balocchi; ma quantomeno avrei l'opportunità di ritagliarmi un mio piccolo spazio su questo pianeta. Tutti 60enni? Non fa niente, non mi sono mai divertito a fare la vita mondana, continuerei sullo stesso trend. Avrei solo bisogno di lavorare, cambiare aria, provarci. Tutto qua.
Ti sentivi vecchia a 26 anni?? Io ce ne ho trenta suonati e non sai come mi sento... Very Happy

@vladimir: grazie per l'informazione; penso che per chi arriva da poco anche delle piccole associazioni siamo molto importanti.

@Bad Grass: grazie per l'informazione sulla lingua anzi....tack Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
vladimir
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 526
Data d'iscrizione : 11.04.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Mar Ott 11, 2011 1:33 am

Citazione :
Cioe e´diverso io personalmente nn ho nessun contatto con italiani se non questo forum perche´mi pare che gli italiani si fanno parecchio i cazzi propri qua o forse siamo troppo pochi o entrambi

mah... su questo non sono assolutamente d'accordo. Di italiani ne ho conosciuti tantissimi e la stragrande maggioranza sono bravissime persone estremamente disponibili. Quelli semmai con cui è difficile stabilire relazioni sociali sono gli svedesi. Dopo le prime settimane di isolamento abbiamo conosciuto un sacco di gente di tutte le nazionalità, ma in maggioranza italiani. Svedesi soltanto alcuni appartenenti a famiglie "miste". Con una famiglia svedese "pura", nonostante i tentativi, non siamo ancora riusciti a stabilire una relazione che vada oltre il "Hej!".
Ho sentito che l'ultima stima parla di 5000 italiani residenti soltanto a Stoccolma, non sono proprio pochi...
V.
Tornare in alto Andare in basso
yngwina
Orso
Orso
avatar

Numero di messaggi : 269
Età : 39
Data d'iscrizione : 30.05.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Mar Ott 11, 2011 8:25 pm

matcip certamente mezzo gaudio no ma posso capire come si vive a Roma e anche come si lavora specie all´eta´nostra

tendenzialmente anche io tendo a essere razionale, le materia matematiche sono quelle che mi riescono meglio ,odio le cose approssimative e forse anche per questo vivevo male a Roma con contratti spesso inesistenti, situazioni allucinanti di sfruttamento ,orari disumani parlo almeno per me che non ho istruzione universitaria ne´professionale

forse per questo motivo che mi sono lasciata andare un po dalla pazzia ossia il rischio
come si dice a Roma me la sona rischiata ,ora ho 33 anni pero ´sono piu grande di te e cmq il trasferimento definitivo lo feci a 28 anni quindi nn cambia molto penso

Ma il discorso e´son tanti 30 ?naaaaaaa
buttati se no poi ti penti,,,finche non hai nessun contratto fisso, mogli e figli insomma cosa hai da perdere?
si del tempo e euri sicuro ma sai quanto tempo e quanti euri mi sono persa io a Roma lo stesso?

Non so a Stoccolma o la comunita di Vladimir
Io parlo di quando stavo a Göteborg e una volta sola andai in un posto di italiani c era un barista sulla 35 ina e dei pensionati a guardare la partita d avanti a un piattone di bucatini
boh io nn mi son trovata bene sono donna,odio il calcio e boh mi sentivo alienata
Sono tutte esperienze relative io ammetto che qua nn parlo mai italiano se non sul forum o in chat con i miai amici a Roma
ma qua sto solo in mezzo agli svedesi nessun italiano mi ha mai aiutata o dato la svolta qua manco nel lavoro
un po ammetto che mi spiace ma boh becco sempre italiani che si fanno i cavoli propri,le poche donne che ho beccato italiane erano molto antipatiche e nn mi si filavano..mi spiace pure ma che ci posso fare?

ma son discorsi relativi magari altri trovano aiuti invece tipo un mio amico che inizio in un ristorante italiano e´tutto relativo
da donna dico che nei ristoranti italiani preferiscono assumere cameriere carucce svedesi e io ho lavorato meglio con i turchi e arabi nel discorso della ristorazione (almeno loro mi prendevano e mi pagavano anche la giornata di prova l italiano manco questa occasione)quindi non posso sparlare dei finti ristoranti italiani che ripeto io preferisco andare la anche a mangiare sono piu economici e piu simpatici spesso e volentieri anche quello
Tornare in alto Andare in basso
https://tiziainsvezia.wordpress.com/
Federadiance
Scoiattolo
Scoiattolo
avatar

Numero di messaggi : 34
Localizzazione : Stoccolma
Data d'iscrizione : 11.10.11

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Mer Ott 12, 2011 12:51 pm

Ammetto che sono qui in svezia da pochissimo, quindi ho avuto poche esperienze, ma i pochi italiani che ho conosciuto sono stati piuttosto antipatici, hanno avuto un atteggiamento del tipo "noi abbiamo dovuto faticare per venire qu´, perchå diavolo dovremmo aiutarti adesso?". Spero di ricredermi e trovare le persone giuste!
Tornare in alto Andare in basso
yngwina
Orso
Orso
avatar

Numero di messaggi : 269
Età : 39
Data d'iscrizione : 30.05.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Mer Ott 12, 2011 3:54 pm

esatto! non tutti ovviamente magari siamo state noi sfortunate ma spesso e´cosi
Qualcuno simpatico e tranquillo ci sta ,lo ammetto almeno un paio simpatici che mi sento volentieri li ho incontrati ma cmq nn li vedo molto Ma la maggioranza dico ,poi ci sono pure donne che son tremende, quelle poche volte che magari ho conosciuto una ragazza che ascolta metal e si e trasferita qua ..cioe sarebbe bello diventare amiche una ha interessi in comune oltre che background non possiamo fare finta di essere svedesi pure se stiamo in mezzo a svedesi noi cmq siamo italiani e non vedo perche´bisogna vergognarsi ho constatato questa cosa
pare che si vergognano ...boh io non mi vergogno a parlare ad alta voce in italiano e passare per cafona haahah
mi diverto anzi...loro (gli svedesi) magari vi guarderanno male ma poi ridon e si divertono gli piace questa cosa pensano che siamo allegri e solari
quindi si o sono come dici te mi fatico per stare qui ( e spesso cambiano pure loro cioe prendono i lati piu brutti degli svedesi )e diventano ancora piu asociali e antipatici
oppure si vergognano quasi..io ne ho conosciuto un paio che erano cosi, tipo complessati
eravamo in 3 italiani, io e l altro parlavamo per strada tranquilli ,l altro invece camminava veloce come se voleva dire io non li conosco non sto con loro ecc
noi ci siamo rimasti un po maluccio..e quello che correva e faceva cosi e´stato l unico che nn e riuscito a rimanere in Svezia quindi..vedete voi
Tornare in alto Andare in basso
https://tiziainsvezia.wordpress.com/
lafattaturchina
Renna
Renna


Numero di messaggi : 438
Localizzazione : Uppsala
Data d'iscrizione : 21.05.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 9:24 am

Posso spezzare una lancia?

Premetto (a costo di essere lapalissiana!) che gli stronzi ci sono e voi probabilmente ve li siete pure beccati e che dubito che il mio esempio possa fare riferimento a voi due.

Il problema secondo me è che quando tu magari sei appena arrivata incontri i tuoi primi connazionali all'estero, è normale che tu voglia farci quattro chiacchiere e condividere un po' le esperienze. Però magari per me tu sei la centomillesima italiana che arriva qua, io qua ho la mia vita e di conseguenza la fase del "condividiamo le esperienze" magari mi è un po' passata.
In più mi è capitato spesso di notare la mentalità "siamo italiani, quindi siamo amici" e per me non è così: se stronzo eri in Italia, stronzo sarai anche qui... tralasciando il fatto che stando a questo ragionamento io dovrei avere 60 milioni di amici giù in Italia lol!
Anche sulla questione "noi abbiamo dovuto faticare per venire quì, perchè dovremmo aiutarti adesso?", la cosa è un po' più complessa IMHO, nel senso che arriva veramente gente che vuole la pappa pronta e si aspetta che io faccia tutto il lavoro al posto suo. Io non sono un ufficio "aiuto italiani in Svezia"! Perchè pensate io abbia aggiunto questa firma ai miei post? Perchè all'ennesimo che mi chiede info in privato perchè non ha voglia/tempo di cercarsele da solo (poi se magari gliele fornisci, il grazie è raro e se butta male magari ti trattano pure una merda, perchè non gli rispondi come volevano loro!), a me sincermente sono girate le ovaie.

Il concetto è: io non penso italiano=da sfuggire tipo peste. Amici italiani in Svezia li ho, ma sono persone con cui ho delle cose da condividere e non semplicemente italiani. Però capite che dopo l'ennesima persona sconosciuta, ma italiana, che pretendeva aiuto da me, io ho iniziato ad essere un po' meno friendly con gli italiani (non che li tratti una merda, ma cerco semplicemente di farmi i cazzi miei lontana da loro).. e questo ovviamente va a discapito di persone, tipo voi, che magari vi approcciate con le migliori attenzioni.

Tornare in alto Andare in basso
http://insveziasottounponte.wordpress.com/
Federadiance
Scoiattolo
Scoiattolo
avatar

Numero di messaggi : 34
Localizzazione : Stoccolma
Data d'iscrizione : 11.10.11

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 9:51 am

Capisco il tuo punto di vista e sono d'accordo col fatto che non è che basti essere italiani per diventare amici. Sarò io idealista, ma credo che su questa terra ci dovremmo aiutare tutti, e fare ogni giorno del nostro meglio, anche senza avere nulla in cambio. Le mie piccolissime esperienze con gli italiani (davvero poche, un paio!) mi hanno lasciato l'amaro in bocca perchè io non ho chiesto aiuto o favori, nè ospitalità o lavoro... mi aspettavo un sorriso e un pò di calore, ma ho ottenuto maleducazione e indifferenza. Ancora non parlo lo svedese e quì sono sola, quindi per me è stato naturale ricercare la compagnia di italiani, giusto per esprimermi meglio. Ma sono sicurissima che mi ricrederò!
buona giornata a tutti.
Tornare in alto Andare in basso
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1305
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 9:58 am

bounce bounce

Solo un paio??? Di che ti lamenti!!! Avresti potuto incontrarne molti di piu'!!!!


Ma non preoccuparti, presto incontrerai anche quelli "giusti" Cool Cool Cool
Tornare in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
vladimir
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 526
Data d'iscrizione : 11.04.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 10:44 am

Secondo me il discorso è piuttosto complesso ed ha molto a che fare con i motivi per cui ci si è trasferiti. Tenete conto che per quanto la migrazione abbia avuto nella maggior parte dei casi risvolti decisamente positivi è comunque un fenomeno traumatico che lascia un segno. Al di là delle spinte attrattive (il lavoro in alcuni casi, un compagno/a in altri, ecc.) ci sono anche spinte espulsive spesso spiacevoli e che, nel caso dell'Italia in particolar modo, hanno a che fare con le condizioni economiche e sociali. Dubito che qualcuno abbia lasciato l'Italia in cerca di un ambiente migliore dal punto di vista geografico, climatico, gastronomico ecc. ecc. Condizioni economiche e sociali significa in ultima analisi "la gente", "gli italiani" che le hanno create e quindi è inevitabile che ci sia in fondo al cuore della maggior parte di noi qualche forma latente di risentimento. Tutta questa premessa per dire che siamo a mio parere afflitti da una sorta di pregiudizio nei confronti degli Italiani che certe volte sfocia in atteggiamenti di chiusura, poca confidenza ecc. Ovviamente il pregiudizio è spesso confermato dai fatti, senza questo fenomeno i pregiudizi non esisterebbero, e quindi tende ad autoalimentarsi. Questa premessa per dire che forse dovremmo provare a mettere da parte questo pregiudizio ed offrire almeno una possibilità. Gli altri dovrebbero provare a tenere in considerazione l'esistenza di questo fenomeno e sforzarsi di disconfermare il pregiudizio.
Non è vero che ci accomuna soltanto il fatto di essere italiani, ci accomuna anche il fatto di aver lasciato l'Italia ed aver scelto la Svezia. Qualche volta non significa nulla ma spesso non è poco. Sono curioso di sentire le vostre esperienze ma la mia impressione "non rappresentativa" è che la percentuale di individualisti incalliti, scrocconi, furbi, ladri, evasori fiscali, sfruttatori del lavoro altrui, aggiratori di regole, inetti raccomandati e chi più ne ha più ne metta, tra gli Italiani che risiedono da queste parti sia estremamente più bassa che in Italia. Ci sono anche questi ovviamente ma sono pochi e nella maggior parte dei casi qui si trovano malissimo e tornano indietro.
Per cui ci vuole soltanto un po' di pazienza. Ho quasi difficoltà ad ammetterlo e mai l'avrei pensato fino a qualche anno fa, ma alla fine, nello stabilire relazioni di tutti i tipi, la vicinanza culturale ha un peso non da poco.
Ciao,
Vladimir
Tornare in alto Andare in basso
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1305
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 11:11 am

vladimir ha scritto:
Questa premessa per dire che forse dovremmo provare a mettere da parte questo pregiudizio ed offrire almeno una possibilità.

In teoria il ragionamento e' corretto ma se dopo dieci volte che uno concede "almeno una possibilita'" lo prende in quel posto per la decima volta....

voglio dire.... ci si rimane un po' male (eller hur?)


vladimir ha scritto:
Secondo me il discorso è piuttosto complesso ed ha molto a che fare con i motivi per cui ci si è trasferiti. Tenete conto che per quanto la migrazione abbia avuto nella maggior parte dei casi risvolti decisamente positivi è comunque un fenomeno traumatico che lascia un segno. Al di là delle spinte attrattive (il lavoro in alcuni casi, un compagno/a in altri, ecc.) ci sono anche spinte espulsive spesso spiacevoli e che, nel caso dell'Italia in particolar modo, hanno a che fare con le condizioni economiche e sociali. Dubito che qualcuno abbia lasciato l'Italia in cerca di un ambiente migliore dal punto di vista geografico, climatico, gastronomico ecc. ecc. Condizioni economiche e sociali significa in ultima analisi "la gente", "gli italiani" che le hanno create e quindi è inevitabile che ci sia in fondo al cuore della maggior parte di noi qualche forma latente di risentimento. .........................Non è vero che ci accomuna soltanto il fatto di essere italiani, ci accomuna anche il fatto di aver lasciato l'Italia ed aver scelto la Svezia. Qualche volta non significa nulla ma spesso non è poco. Sono curioso di sentire le vostre esperienze ma la mia impressione "non rappresentativa" è che la percentuale di individualisti incalliti, scrocconi, furbi, ladri, evasori fiscali, sfruttatori del lavoro altrui, aggiratori di regole, inetti raccomandati e chi più ne ha più ne metta, tra gli Italiani che risiedono da queste parti sia estremamente più bassa che in Italia. Ci sono anche questi ovviamente ma sono pochi e nella maggior parte dei casi qui si trovano malissimo e tornano indietro.

Penso anche io che in Svezia ci siano molti "tipi" di italiani classificabili in base alle "forze" che li hanno portati qui.....

c'e' chi e' approdato in Svezia per amore, chi per lavoro, chi perche' "spinto espulsivamente" , a volte si tratta di una combinazione di fattori (anche se spesso uno predomina sugli altri)

Penso anche che cio' sia determinante per quello che il singolo prova verso la Svezia



In ogni caso, la Svezia non e' luogo adatto per vivere "fuori dalla legge" e nemmeno "border-line" perche' di solito non c'e' convenienza nel farlo e i rischi sono elevati, al contrario di altri luoghi dove e' invece conveniente e i rischi sono bassi.
Tornare in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
vladimir
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 526
Data d'iscrizione : 11.04.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 11:48 am

Citazione :
In teoria il ragionamento e' corretto ma se dopo dieci volte che uno concede "almeno una possibilita'" lo prende in quel posto per la decima volta....

dipende. Se intendi alla stessa persona, sconsiglierei vivamente di arrivare a dieci possibilità. Già la seconda la vedo come uno sforzo estremo non necessariamente condivisibile. Se però parli di dieci persone diverse, secondo me bisognerebbe continuare a provare, anche se mi sembra alquanto improbabile di incontrare consecutivamente dieci stronzi

Citazione :
Penso anche che cio' sia determinante per quello che il singolo prova verso la Svezia

assolutamente d'accordo. Posso fare l'esempio di me e mia moglie. Io sono venuto qui perché attratto dalle condizioni di vita; lei è fondamentalmente venuta appresso a me ed i nostri "sentimenti" nei confronti della Svezia sono molto diversi...

V.
Tornare in alto Andare in basso
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 2:10 pm

Da quando sono qui di italiani non ne ho conosciuti moltissimi, quasi tutti attraverso il forum e di stronzi per ora non ce ne sono stati Laughing

Comunque quoto fatta, all'inizio il fatto di condividere l'esperienza dell'immigrazione in Svezia fa da collante, dopo un po' non basta piu' e si comincia a selezionare come si farebbe in Italia. Certo, dipende come gia' detto anche dal perche' si e' qui. Personalmente sono venuta qui perche' amo questo paese, non per amore, problemi lavorativi o altro.... E per ora non sento il bisogno di incotrare italiani se non quelli che probabilmente incontrerei anche in Italia Smile

Riguardo all'avere amici svedesi... La mia opinione e' che se non si parla bene svedese e' difficile farsi nuove compagnie, come lo sarebbe in Italia. Quando mi sono trasferita a Bologna un paio d'anni fa ho fatto una gran fatica a conoscere gente. Non avevo nulla in comune con i miei compagni di universita' (era un corso minuscolo, eravamo una quindicina) e sono riuscita a farmi un giro solo iscrivendomi a un corso di muay thai. Pero' ci sono voluti mesi, sono andata a diverse pizze con la palestra, uscite di gruppo, eventi ecc. Se lo facessi qui mi ritroverei al ristorante in mezzo a gente che parla svedese a fissare il muro Laughing
Per noi che siamo immigrati l'inglese e' diventato ormai la lingua di tutti i giorni ma per uno che vive nella sua terra natale non e' mica cosi' scontato lasciarsi andare in una lingua diversa, per quanto bene sappia l'inglese Smile
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
Bad Grass
Amministratore
Amministratore


Numero di messaggi : 376
Età : 37
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 02.08.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Gio Ott 13, 2011 7:35 pm

Ele ha scritto:

Riguardo all'avere amici svedesi... La mia opinione e' che se non si parla bene svedese e' difficile farsi nuove compagnie, come lo sarebbe in Italia.

Parole sante! Per quanto riguarda la mia personalissima esperienza, noto che più parlo svedese e più ci sono occasioni per uscire e socializzare con loro. Questa è la piccola verità che la stragrande maggioranza degli immigrati, di qualunque provenienza, non vuole ammettere: tutti pronti a dire che gli Svedesi sono freddi e non amano mischiarsi con gente come noi perché la ritengono meno evoluta. Gli Svedesi, penso io, parlano come tutti gli altri esseri umani e comprensibilmente amano farlo nella propria lingua. Il fatto che sappiano benissimo l'inglese non vuol dire niente: l'inglese serve a capire gli stranieri, non a star bene; quando uno socializza, lo fa perché lo fa star bene.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.rinascitaalnord.splinder.com/
matcip
Aringa
Aringa


Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 09.10.11

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Ven Ott 14, 2011 12:48 am

Wow non pensavo di accendere un discorso tale... Very Happy
Ho letto a grandi linee tutto il discorso; be' ovviamente ogni storia fa il caso proprio e l'esperienza che ne consegue.
In linea di massima sono d'accordo con vladimir sul fatto che il trasferirsi è comunque traumatico...

Inizialmente ho chiesto quell'indicazione, perchè comunque se mai partissi sarebbe proprio allo sbaraglio e sarei totalmente disorientato; chissa come si faceva negli anni '20 quando gli Italiani preparavano il fagotto e partivano per l'America...c'e' la fame è alla base di tutto...certo...

La mia situazione purtroppo è sempre stata di avere poche conoscenze in generale, che mi potessero aiutare nel campo del lavoro; non immaginate come i miei genitori (di nascosto) siano amareggiati perchè non possono fare nulla per me; magari 20 anni con le loro conoscenze mi avrebbero potuto sistemare da qualche parte, ma oggi per farti piazzare da qualche parte devi conoscere gente veramente importante; e miei genitori sono due semplici impiegati...

La lingua è importante e sarebbe per me un problema ma sarei pronto per imparare...l'inglese va cosi e cosi...diciamo che sto leggermente meglio del nostro ministro della difesa Shocked

Anche per questo tenterei l'impossibile andando in Svezia; il fatto della comunità lo avevo chiesto perchè appunto poteva essere un primo e unico punto di informazioni per poi muovermi...

Nel mentre sto cercando qualcosa sul sito dell'Eures ma è veramente troppo tosto e caotico...

Un saluto a tutti
Tornare in alto Andare in basso
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1305
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Ven Ott 14, 2011 9:45 am

matcip ha scritto:
La mia situazione purtroppo è sempre stata di avere poche conoscenze in generale, che mi potessero aiutare nel campo del lavoro; non immaginate come i miei genitori (di nascosto) siano amareggiati perchè non possono fare nulla per me; magari 20 anni con le loro conoscenze mi avrebbero potuto sistemare da qualche parte, ma oggi per farti piazzare da qualche parte devi conoscere gente veramente importante; e miei genitori sono due semplici impiegati...

.....conoscenze... sistemare..... farti piazzare......




.....tristezza.......
Tornare in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
Ele
Lince
Lince
avatar

Numero di messaggi : 359
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 06.09.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Ven Ott 14, 2011 10:27 am

Matcip, scusa ma che competenze hai? Che lavoro vorresti fare? Perche' se e' vero che per alcuni lavori le conoscenze possono aiutare (chesso', l'avvocato..?) per molti altri non servono, io in italia ho sempre lavorato senza conoscenze e grazie a dio i miei genitori non hanno mai nemmeno pensato di mettersi in mezzo... Shocked
Tornare in alto Andare in basso
http://web.stagram.com/n/cloudberryfield/
yngwina
Orso
Orso
avatar

Numero di messaggi : 269
Età : 39
Data d'iscrizione : 30.05.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Ven Ott 14, 2011 2:39 pm

io parlo 4 lingue ,sono cresciuta bilingue e sin da piccola parlavo 3 lingue,non sono altissima ma sono sempre stata slanciata quindi dicevano che ero perfetta per fare la hostess di bordo o lavori internazionali...beh vi dico il massimo che mi e´capitato proposte in Grecia per andare a prendere i turisti italiani in pullman sotto contratto a tempo determinato
parlo italiano,inglese,giapponese (e quanti lo parlano?)e svedese
eppure stavo a casa solo a fare lavoretti occassionali,se facevo l hostess in Italia era solo per la presenza (non che sia bellissima ma avendo taglie e altezza minima per certi standart come se sei una merce ma e´cosi´ ) ma ammetto che alla fine non era importante la mia conoscenza o di quante lingue parlavo..e se vi dico quanto prendevo c e da ridere o piangere?( anche 3 euro all ora)
Vi ammetto che non ho mai svoltato perche parlavo giapponese ,mai(sono crescuta bilingue) e pure un po colpa mia che non so scrivere o leggere bene ok,ma cmq come traduttice simultanea sono perfetta e veloce
poi ho altre conoscenze mie amministrative e informatiche abbastanza da poter lavorare in banca (vedendo chi stava in banca sotto casa mia che manco mi sapevano aprire un conto o rispondere alle mie domande )ma col cavolo,manco mio cugino mi fa entrare..ammettiamolo che in Italia non c´e´´meritocrazia
pure alle poste avrei lavorato volentieri,non dico allo sportello eh ma postina..ma pure la spazzina...o alle ferrovie niente

quei pochi lavoretti che ho fatto e´perche´avevo presenza cioe mi hanno preso per la presenza non per abilita´o raccomandazione ma e´molto frustrante e ti senti un´idiota.
Il mio ragazzo svedese dice che ho fatto solo lavori da idiota,effettivamente avrei preferito stare all´info per i turisti che la statuina allo stand,ma solo quello mi hanno fatto fare e´colpa mia?
che poi quando lavoravo negli aereoporti o stazioni era perche avevo uno stand e dovevo dare volantini o gadget(avete presente quelle che chiamano hostess mentre sono delle perfette imbecilli?solo per attirare la gente) pero poi venivano da me i turisti a chiedere le info che parlavo inglese meglio di quelli che stavano alla cabina delle informazioni

conosco dementi (se mi pagate il volo a Roma ve li presento fisicamente) che sono nipoti di gente importante (non faccio nomi e cognomi ma sono politici) beh sono dei perfetti idioti ma son ben piazzati alla rai,non fanno un cacchio dalla mattina alla sera si spacciano per grandi lavoratori e si prendono 3 e passa mesi di ferie..
non ci prendiamo in giro ...in tutto il mondo va cosi anche in Svezia ,poi ce anche la meritocrazia ok ma non sempre e in Italia che va sempre peggio non esiste proprio
in Svezia almeno un minimo di possibilita per un comune mortale c´e´
Vi dico che anche in Svezia spesso e volentieri aiuta la conoscenza certo non come in Italia che se sei un perfetto deficente lavori lo stesso,in Svezia ti mandano a casa...cioe al lavoro si lavora ma tu Ele in Italia magari si hai fatto da sola ma cosa?
avevi un lavoro fisso?ben retribuito?se si beh io sarei rimasta in Italia
non parliamo di lavoretti eh ma di lavori seri con contratto e una paga umana
Tornare in alto Andare in basso
https://tiziainsvezia.wordpress.com/
yngwina
Orso
Orso
avatar

Numero di messaggi : 269
Età : 39
Data d'iscrizione : 30.05.10

MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   Ven Ott 14, 2011 3:07 pm

che post lungo
cmq quoto vladimir per il discorso italiani
ok ammetto che anche io ho beccato italiani che mi rompevano troppo predentendo che gli dai la pappa pronta ...
su quello concordo con quello che avete scritto in molti
ma io parlo di solidarieta´e amicizia anche ...boh saro anche io sognatrice ma tipo conosco delle persone che hanno piu o meno la mia eta´..amano il rock e metal e stanno qua anche donne eppure stanno alla larga,tipo che hai la peste..si sentono svedesi pure che parlano uno svedese ridicolo e non sono biondi,io la chiamo sindrome di Michael Jackson
tipo vogliamo essere gli unici italiani in svezia non so se rendo,tenersi l isola felice per loro
una specie di gelosia invidia boh..
oppure fermo per strada contenta gli italiani ma spesso loro nn mi si filano come per dire che palle (era meglio che mi fermava una bonazza bionda svedese) o se son donne mi fulminano,almeno per il 95% delle volte

Io invece per scherzare dico sempre che il mio ragazzo e´italiano che ha i capelli neri (tinti) e pure un carattere molto estroverso (sono piu timida io)
Cioe quando vado in giro non mi vergogno di essere italiana ..e se mi dicono della crisi e del berlusca dico che sto qua apposta ahah per scappare dal berlusca ,la butto sul ridere o se mi dicono mafia ecc me ne frego proprio anzi se ci rido sopra ,pero ripeto conosco questi che quasi si vergognano e vogliono spacciarsi per svedesi. io ripeto la chiamo la sindrome di michael jackson
Tornare in alto Andare in basso
https://tiziainsvezia.wordpress.com/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Ciao a tutti   

Tornare in alto Andare in basso
 
Ciao a tutti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» ciao a tutti/tutte :)
» Ciao a tutti da Sandro e Franky
» ciao a tutti sono GIANNI
» Ciao a tutti
» Ciao a tutti! Chi mi aiuta a trovare un Jackino? :)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
mondosvezia :: Ciao! Mi presento-
Andare verso: