mondosvezia

Un forum per chi ama la Svezia e i paesi scandinavi. Utile per chi cerca informazioni sui viaggi, cucina locale, cultura, tradizioni, lingua e altro.
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividi | 
 

 Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1320
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 02, 2012 1:25 pm

vladimir ha scritto:
assolutamente no. L'igienicita' e' seriamente compromessa. Per questo molte persone che conosco hanno comunque la loro lavatrice in casa, a prescindere da quelle condominiali. Soprattutto per la biancheria.
V.


Puo' essere vero..... Pero' a questo punto ci si dovrebbe preoccupare pure dei libri a prestito dalla biblioteca (e se quello prima d me si leccava le dita per girar le pagine? O magari si scaccolava leggendo? Che mi posso prendere? La tubercolosi? L'erpes?)

Le posate del ristorante?
I ferri del dentista?
L'acqua della piscina??
Le maniglie e i corrimani?
I sedili degli autobus??

Siete sicuri di come lavate la verdura? Avete idea di cosa sia una larva migrans??
Il sushi??

Rilassatevi o perderete la serenita'...... afro
Torna in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1320
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 02, 2012 1:42 pm



Nella mia tvättstuga si puo' regolare la centrifuga e si possono fare cicli di lavaggio di 25 minuti.

Di solito uso il torrskåp perche' l'asciugatrice fa fare i pallini alle maglie.....



Per quanto riguarda l'universita' non mi sembra un esempio calzante, l'ente universitario svolge i suoi compiti i quali non comprendono la gestione si un patrimonio immobiliare. Il proprietario dell stabile a sua volta aumenta gli affitti per poter coprire l'aumento dei costi (manutenzione, riscaldamento, amministrazione ecc.... Aumenteranno un pochino per colpa dell' inflazione, o no?) e anche per avere un profitto, visto che un capitale, seppur immobiliare, deve pur rendere, altrimenti si falsa il mercato. Comunque il 3% non e' molto.
Tieni presente che la gestione di enti come scuola, universita' e immobili non e' solo statale ma anche comunale e regionale, quindi ci saranno dei flussi di denaro tra i vari compartimenti.....

Io ritengo che questo esempio non sia nemmeno attinente alla burocrazia, per me la burocrazia e' un'altra cosa.

Un esempio di pessima burocrazia e' quando in Italia ho avuto una verifica fiscale: l'agenzia delle entrate voleva sapere se i redditi che avevo autocertificato (in una precedente richiesta di contributi) erano esatti, per fare cio', l'Agenzia delle 'Entrate mi chiedeva, a mezzo raccomandata, di presentare di persona la mia dichiarazione dei redditi dell'anno precedente. Inutile ricordare che loro erano gia' in possesso di tale documento, visto che la mia dichiarazione dei redditi veniva presentata regolarmente ogni anno.
Torna in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1320
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 02, 2012 1:44 pm


🐓🐓🐓🐓🐓
🍳🍳🍳🍳🍳



A proposito, la prossima volta che mangiate un uovo, chiedetevi da dove e' uscito........
Torna in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
girasole
Scoiattolo
Scoiattolo


Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 02, 2012 1:53 pm

vladimir ha scritto:
Citazione :
Almeno nella mia esperienza, la burocrazia non è snella, è onnipresente e soffocante.

a proposito di confronti, forse ti sei dimenticata della burocrazia italiana...

Scusate tutti, ma voi date per scontato che io valutando il sistema italiano come migliore di quello svedese, mentre io non ho assolutamente scritto questo.
Le pecche del sistema italiano sono sotto gli occhi di tutti, non solo nel nostro bel Paese ma anche ampiamente risapute all'estero.
Io faccio su e giù, quindi ho ben presente quel che sto dicendo. Tra l'altro, se pensassi che la Svezia è in genere peggiore, non farei l'enorme fatica di venire, con tutti i problemi del caso.
Vi ricordo che il thread è "Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo." Beh, su questo mi posso esprimere, non credete?
E indicare i difetti del sistema svedese (come fa anche spidernik) NON vuol dire che automaticamente l'Italia sia meglio.
Adesso la mia opinione, se vi interessa, è questa: per vivere in Svezia bisogna ingoiare tante cose che non vanno e che, semplicemente, non si possono discutere perché la discussione non raggiunge il livello del "perché" (inteso come causa e anche come scopo, se è lecito).
A me sembra che "regalino" parte della loro libertà allo Stato, che ne fa quel che vuole. Se ci sono amministratori intelligenti, ok. Se sono ottusi, addio.
E questo succede anche in Italia, beninteso. La differenza è che in Italia tutti si lamentano di questa soffocante, corrotta e malfunzionante burocrazia.
Qui, sembra che vada bene a tutti così.
Allora chi è più libero, se proprio si deve fare un confronto?
NB: La domanda non è affatto retorica, sono molto interessata a sapere quel che ne pensate, personalmente ed in base all'esperienza.

Torna in alto Andare in basso
balorso
Alce
Alce
avatar

Numero di messaggi : 1320
Localizzazione : Svezia
Data d'iscrizione : 24.10.07

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 02, 2012 2:07 pm

girasole ha scritto:
vladimir ha scritto:
Citazione :
Almeno nella mia esperienza, la burocrazia non è snella, è onnipresente e soffocante.

a proposito di confronti, forse ti sei dimenticata della burocrazia italiana...

Scusate tutti, ma voi date per scontato che io valutando il sistema italiano come migliore di quello svedese, mentre io non ho assolutamente scritto questo.
Le pecche del sistema italiano sono sotto gli occhi di tutti, non solo nel nostro bel Paese ma anche ampiamente risapute all'estero.
Io faccio su e giù, quindi ho ben presente quel che sto dicendo. Tra l'altro, se pensassi che la Svezia è in genere peggiore, non farei l'enorme fatica di venire, con tutti i problemi del caso.
Vi ricordo che il thread è "Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo." Beh, su questo mi posso esprimere, non credete?
E indicare i difetti del sistema svedese (come fa anche spidernik) NON vuol dire che automaticamente l'Italia sia meglio.
Adesso la mia opinione, se vi interessa, è questa: per vivere in Svezia bisogna ingoiare tante cose che non vanno e che, semplicemente, non si possono discutere perché la discussione non raggiunge il livello del "perché" (inteso come causa e anche come scopo, se è lecito).
A me sembra che "regalino" parte della loro libertà allo Stato, che ne fa quel che vuole. Se ci sono amministratori intelligenti, ok. Se sono ottusi, addio.
E questo succede anche in Italia, beninteso. La differenza è che in Italia tutti si lamentano di questa soffocante, corrotta e malfunzionante burocrazia.
Qui, sembra che vada bene a tutti così.
Allora chi è più libero, se proprio si deve fare un confronto?
NB: La domanda non è affatto retorica, sono molto interessata a sapere quel che ne pensate, personalmente ed in base all'esperienza.


OK, pero' un termine di paragone bisogna avercelo, altrimenti tutto diventa perfettibile.

Non si tratta di regalare liberta' allo stato, ci sono delle regole e vanno rispettate,
Un semaforo e' una limitazione, certo che si', visto che mi dice come e quando passare, altrimenti le strade diventano come Carmageddon

Gli svedesi non si lamentano?? Si lamentano eccome, ma li leggi i giornali?
L'ultima volta ho letto di un gruppo di cittadini dello Småland che voleva modificare il regolamento di caccia per abbattere piu' cinghiali, visto che son troppi e rovinano le colture....

Prova a googlare insändare, vedrai he ne trovi di svedesi che si lamentano....
Torna in alto Andare in basso
http://balorso.blogspot.com/
girasole
Scoiattolo
Scoiattolo


Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 02, 2012 3:29 pm

Sì li leggo e seguo anche le notizie in svedese su Twitter.
Grazie del consiglio, googlerò.
Ma allora perché qualunque svedese con cui parlo fa cadere il discorso senza lamentarsene?
Ti sto dicendo la mia esperienza da 5, dico 5 anni. Non che qui si passi il tempo a chiacchierare (per carità!), però mi è capitato di affrontare l'argomento con tanta gente.
A me sembrano tanti, poi fate voi... devo intendere che non vogliono lamentarsi con una invandrare per amor di patria?
Torna in alto Andare in basso
girasole
Scoiattolo
Scoiattolo


Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Dic 09, 2012 11:17 pm

Joakim ha scritto:


Razzismo? Non credo. Almeno nella lista dei paesi presenti sul pianeta Terra forse sono quelli meno razzisti. Non legano molto con i migranti residenti forse anche perchè molti di loro provengono dal terzo mondo.


https://twitter.com/Jonas_Gardell
Dice così (cito):
"Nån blev arg för att jag skrev att SD bestod av rasistiska fyllon. Förlåt! Rasistiska, homofoba, kvinnohatande fyllon menade jag förstås!"

traduzione alla buona:
"Qualcuno si è arrabbiato perché ho ​​scritto che SD era fatto di ubriachi razzisti. Spiacente! Razzisti, omofobi, misogini ubriachi, intendevo, naturalmente!"

Ora, mi chiedo: quanta gente li ha votati e quanta li rivoterà?

Torna in alto Andare in basso
Balthier
Scoiattolo
Scoiattolo
avatar

Numero di messaggi : 22
Età : 30
Data d'iscrizione : 08.01.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Mer Gen 09, 2013 10:04 pm

vladimir ha scritto:
Citazione :
Almeno nella mia esperienza, la burocrazia non è snella, è onnipresente e soffocante.
a proposito di confronti, forse ti sei dimenticata della burocrazia italiana... e' un sistema ormai completamente ingessato dove non si puo' piu' fare nulla, semplicemente...
L'esempio che fai poi, di Universita', e' proprio il peggiore che potevi scegliere. In Italia i dipartimenti non riescono nemmeno a spendere i pochi soldi che hanno per quanto sono complesse e assurde le procedure di spesa e di assunzione di qualcuno. Io ho collaborazioni in cui sono costretti a rimandare i soldi indietro... con la disoccupazione e precariato che c'e'...

Premettendo che l'Europa è il peggior continente esistente e ve lo garantisco io(gli Stati Uniti sono la nazione più intelligente che abbia mai visto,la gente secondo me quasi perfetta,peccato per i visti).Dovreste tornare a vivere in pianta stabile in Italia(mi riferisco a chi magari inizia a sentirne la mancanza),perché tralasciando il discorso lavorativo e di servizi che è non pessimo,ancora di più,per esempio a Verona gli autobus passano una volta si e 10 no(bello eh?),l'Italia è cambiata parecchio anche dal punto di vista sociale,non c'è più quella mentalità con qualche lato positivo come la facilità di fare amicizia,tutti sembrano Tedeschi quando si parla di rapporti personali e Brasiliani in quanto a serietà,tanto che ormai è meglio stare da soli come faccio io,credo di non parlare con un italiano da 2 anni.Quindi anche se veramente questi Svedesi fosse chiusi e strafottenti,AMEN perché io sarei lo stesso con loro,chi minchia li calcola?a me interessa la mia famiglia(fidanzata,fratello,cane lol),mangiare,dormire,bere,e fare quello che mi piace..e premetto che ho 24 anni non 65,quindi non capisco tutti questi ragazzi che stanno male senza socializzare alla c***o di cane qua e la.Quindi al massimo mi preoccuperei di difetti Svedesi che potrebbero dare fastidio direttamente alla vostra vita,allora le lamentele sarebbero sensate,altrimenti sarebbe solo aria fritta.Concludo con un mio pensiero abbastanza personale e forse razzista,meglio un amico straniero di qualsiasi parte del mondo che uno Italiano.
Torna in alto Andare in basso
Bad Grass Admin
Amministratore
Amministratore
avatar

Numero di messaggi : 1278
Età : 39
Localizzazione : Sollentuna
Data d'iscrizione : 19.07.07

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Mer Gen 09, 2013 10:25 pm

Balthier ha scritto:

Dovreste tornare a vivere in pianta stabile in Italia(mi riferisco a chi magari inizia a sentirne la mancanza),perché tralasciando il discorso lavorativo e di servizi che è non pessimo,ancora di più,per esempio a Verona gli autobus passano una volta si e 10 no(bello eh?),l'Italia è cambiata parecchio anche dal punto di vista sociale,non c'è più quella mentalità con qualche lato positivo come la facilità di fare amicizia,tutti sembrano Tedeschi quando si parla di rapporti personali e Brasiliani in quanto a serietà,tanto che ormai è meglio stare da soli come faccio io,credo di non parlare con un italiano da 2 anni.Quindi anche se veramente questi Svedesi fosse chiusi e strafottenti,AMEN perché io sarei lo stesso con loro,chi minchia li calcola?a me interessa la mia famiglia(fidanzata,fratello,cane lol),mangiare,dormire,bere,e fare quello che mi piace..e premetto che ho 24 anni non 65,quindi non capisco tutti questi ragazzi che stanno male senza socializzare alla c***o di cane qua e la.Quindi al massimo mi preoccuperei di difetti Svedesi che potrebbero dare fastidio direttamente alla vostra vita,allora le lamentele sarebbero sensate,altrimenti sarebbe solo aria fritta.Concludo con un mio pensiero abbastanza personale e forse razzista,meglio un amico straniero di qualsiasi parte del mondo che uno Italiano.

Balthier ha scritto:
Premettendo che l'Europa è il peggior continente esistente e ve lo garantisco io
Hai già vissuto negli altri quattro per così tanto tempo? Razz

Balthier ha scritto:
gli Stati Uniti sono la nazione più intelligente che abbia mai visto,la gente secondo me quasi perfetta,peccato per i visti
Difficile commentare in poche righe. Per quanto ci siano aspetti degli Americani che mi garbano moltissimo, non vivrei mai in un posto come gli Stati Uniti.

Balthier ha scritto:
Dovreste tornare a vivere in pianta stabile in Italia(mi riferisco a chi magari inizia a sentirne la mancanza),perché tralasciando il discorso lavorativo e di servizi che è non pessimo,ancora di più
Ogni volta che ci torno, lo faccio malvolentieri e non vedo l'ora di tornarmene al fresco. Mi inorridisce vedere come si comportano gli Italiani. Detto ciò, è tutto relativo: vai a dire ad un Africano o un Asiatico che i servizi italiani sono peggio che pessimi...

Balthier ha scritto:
Quindi anche se veramente questi Svedesi fosse chiusi e strafottenti,AMEN perché io sarei lo stesso con loro,chi minchia li calcola?a me interessa la mia famiglia(fidanzata,fratello,cane lol),mangiare,dormire,bere,e fare quello che mi piace..e premetto che ho 24 anni non 65,quindi non capisco tutti questi ragazzi che stanno male senza socializzare alla c***o di cane qua e la.Quindi al massimo mi preoccuperei di difetti Svedesi che potrebbero dare fastidio direttamente alla vostra vita,allora le lamentele sarebbero sensate,altrimenti sarebbe solo aria fritta.
Magari tu sei uno che sta bene da solo, ok. Non è così per tutti, però! La società svedese funziona perché, come altrove, c'è gente che coopera, che comunica, che scambia idee. Se tutti facessero come suggerisci tu ("chi minchia li calcola"), questa nazione crollerebbe nel giro di qualche anno.

Balthier ha scritto:
meglio un amico straniero di qualsiasi parte del mondo che uno Italiano.
Beh, dai, un amico è un amico in quanto tale e per definizione; la nazionalità non c'entra. Si è amici oppure no: non è che ci sono amici A che valgono meno di amici B. Un amico è un amico!

_________________________________________________
Torna in alto Andare in basso
http://rinascitaalnord.wordpress.com/
Balthier
Scoiattolo
Scoiattolo
avatar

Numero di messaggi : 22
Età : 30
Data d'iscrizione : 08.01.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Mer Gen 09, 2013 10:48 pm

[quote="Bad Grass Admin"]
Balthier ha scritto:


Balthier ha scritto:
Dovreste tornare a vivere in pianta stabile in Italia(mi riferisco a chi magari inizia a sentirne la mancanza),perché tralasciando il discorso lavorativo e di servizi che è non pessimo,ancora di più
Ogni volta che ci torno, lo faccio malvolentieri e non vedo l'ora di tornarmene al fresco. Mi inorridisce vedere come si comportano gli Italiani. Detto ciò, è tutto relativo: vai a dire ad un Africano o un Asiatico che i servizi italiani sono peggio che pessimi...

Balthier ha scritto:
meglio un amico straniero di qualsiasi parte del mondo che uno Italiano.
Beh, dai, un amico è un amico in quanto tale e per definizione; la nazionalità non c'entra. Si è amici oppure no: non è che ci sono amici A che valgono meno di amici B. Un amico è un amico!

Ti sei risposto da solo secondo me xD,ovviamente parlo di "media" c'è anche l'Italiano che potrebbe essere un valido amico,ma la media non è così purtroppo..per quanto riguarda Stati Uniti o altro sono gusti ovviamente e li condivido tutti,e comunque posso paragonarli ad altri posti che ho visto anche se per poco,non conosco la scandinavia..però insomma,è risaputo che uno Svedese non è aperto come un Californiano mediamente parlando,o no? xD(a me non interessa perché appunto sono abbastanza solitario,ma giusto per fare l'esempio).
Il discorso di non "calcolarsi" mi riferivo solo a rapporti extra,ovviamente nell'ambito lavorativo o gestionale devi esporti per forza.
Torna in alto Andare in basso
cantona
Lepre
Lepre


Numero di messaggi : 61
Data d'iscrizione : 27.04.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Apr 28, 2013 2:44 am

concordo con scoiattolo e shipshape, sottolineo però quello che è stato detto ovvero che gli svedesi sono tendenzialmente meno materialisti di altri...sono più propensi a non avere oggetti sempre...
io però non vedo una netta forbice italia-svezia...su alcune cose nettamente svezia, su altre nettamente italia...direi in generale un pareggio...
Torna in alto Andare in basso
cantona
Lepre
Lepre


Numero di messaggi : 61
Data d'iscrizione : 27.04.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Apr 28, 2013 2:50 am

non concordo con Balthier, quando mi dice che l'America è un paese perfetto...una nazione che lascia morire una persona perchè non ha assistenza sanitaria mi pare follia, o una università che spende 1mln di euro l'anno solo per mantenere la squadra di basket,e lasciare un'educazione scadente agli altri pure...sulla sanità ho letto tuoi commenti altrove che dici che non è cosi male...io ho amici americani qua a Stoccolma e sono tutti mooooolto felici del sistema sanitario europeo...in America di base se hai i soldi o hai fatto parte dell'esercito per almeno 20 anni, vivi benone, hai i migliori ospedali, medici, etc etc...ma se sei anche un semplice insegnante devi sperare di stare sempre bene...vero che ci sono anche gli ospedali pubblici, ma anche vero che questi ospedali sono gestiti da dottori che non hanno neanche finito gli studi...tu ti fideresti a farti aprire?...per esperienze di conoscenti stretti, il papà di un mio carissimo amico, ha avuto un problema in USA, lavorava la per qualche mese, coperto da assicurazione sanitaria americana, ne aveva fatta una buona...non la più cara (che era veramente cara), ebbene finito il suo problema ospedaliero si è visto arrivare un conto da 120mila euro!! e meno male che aveva l'assicurazione...e poi una nazione, che ha soldati ovunque nel mondo, non mi ispira grandi cose...
Torna in alto Andare in basso
Astrud
Scoiattolo
Scoiattolo
avatar

Numero di messaggi : 35
Localizzazione : Sollentuna
Data d'iscrizione : 01.10.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Mag 25, 2014 1:14 pm

Joakim ha scritto:
Premesso che secondo me chi pensa di vedere davanti a sè un paese in cui c'è solo oro che luccica ha fumato pesante (parlo in generale ovviamente), molte delle cose che hai descritto tu le ho percepite anche io. Ma, ti sembrerà forse strano, alcune cose sono per me positive.

Il fatto che siano un po' "smorti" lo dicono anche loro stessi. Non esprimono quasi mai i loro sentimenti verso di te, anche solo per non "turbare la quiete".

Razzismo? Non credo. Almeno nella lista dei paesi presenti sul pianeta Terra forse sono quelli meno razzisti. Non legano molto con i migranti residenti forse anche perchè molti di loro provengono dal terzo mondo.

Il senso dello humor lo hanno come noi.

Sulla "razionalità esasperata su tutto" non condivido per niente come si descrive il comportamento. Per me è uno dei comportamenti migliori che adottano gli svedesi. Giudicare misurando sopratutto i numeri, ammesso e non concesso che sia così, non sarebbe per niente negativo, anzi.

Sul matrimonio scusa se te lo dico ma il tuo mi sembra un atteggiamento tipico del nostro Paese. Essere razionali e realisti quando si sposa una persona è una cosa ottima, e questo non vuol dire per me nè essere ladri nè essere approfittatori et simila. Vuol dire solo non commettere ipocrisie eccessive. Sai invece cosa avviene in Italia? Che il "calcolo" è diverso ossia molto ma molto più subdolo: non si vede se il partner è bello o magari è intelligente, ma se ha potere o ha la casa grande come un Ikea medio. Non sto facendo generalizzazioni dico che gli svedesi a me paiono meno materialisti di altri popoli. A me una donna svedese da più affidabilità di una donna di altri paesi.

Dici che si fanno gli affari loro e non importa loro nulla del prossimo. Non sono d'accordo sul fatto che non importa loro nulla degli altri, sono invece d'accordo sul fatto che sono riservati ma io analizzerei la cosa da un altro punto di vista. Essere più posati e riservati e meno piazzisti e ciarlatani per me è molto positivo. Gli svedesi non amano sfoggiare il loro status (di qualsiasi tipo esso sia): io sono quello, io sono questo, io mi faccio lei, io ho i soldi che mi escono dal naso, ecc. E poi evitando di dire anche cose completamente inutili è più probabile anche dire cose meno irritanti che non danno alcun valore aggiunto al rapporto umano ma creano solo litigi, dissenti, e altre cose che si potrebbero evitare.

Sul fatto che non sono chiari e non fanno capire molto chi sei per loro condivido. Da un certo punto di vista entrare meno in collisione può voler dire non disfare per sempre o quasi certi rapporti (che possono essere anche di lavoro), da un altro punto di vista è brutto perchè non essendo mai bianco o nero ma solo grigio hanno atteggiamenti a volte contraddittori e non riesci a capire che rapporto si può instaurare con loro. Ad esempio ragazzi che ti aiutano magari per cose non di poco conto, poi dopo gli proponi di uscire e nulla, salvo poi qualche settimana dopo farsi vivi dal nulla e proporti di uscire. Oppure gente che quando inviti a casa tua viene ed è entusiasta, magari ti invita a casa sua e ti presenta anche ai genitori che si pensa abbiamo buoni propositi nei tuoi confronti, ma che poi questa gente in chat è molto strana. Mi è capitato addirittura uno che voleva instaurare un rapporto con me non mi voleva dare per nessun motivo il suo numero di cellulare perchè non mi conosceva. Però poi invitava me, uno sconosciuto pericoloso ahah, al cinema e in altri posti chiamandomi bro ecc. Mai avuto questo problema del telefono con nessuno in nessuna parte del mondo e io non conosco solo italiani! ahahahahahah E' ovvio che poi quando vedi che non riesci a comprenderli poi anche nei rapporti successivi fai fatica. Ad esempio recentemente ho incontrato un ragazzo (per me simpatico) mi aveva chiesto lui se ci incontravamo. Alla fine dell'appuntamento ci siamo salutati e lui mi fa "mi ha fatto piacere vederti!" e il giorno dopo mi ha mandato una cosa che durante l'appuntamento mi aveva promesso, senza che io gliel'ho chiesto. Poi mi ha detto che qualche volta potremmo andare a pescare insieme perchè se n'è parlato, ma ripeto visto che non riesco a capire queste persone non so cosa fare. Nella mia zona di origine se uno non mi vuole fra le scatole non mi dice queste cose. Quì però non so.

Queste sono le mie conclusioni dopo un mese abbondante di convivenza con svedesi (ovviamente non posso sapere quale sia il trend generale nel Paese, faccio solo riferimento alla mia personale esperienza).

Quando ci si rapporta con loro, anche nelle banali faccende della vita quotidiana, è altamente sconsigliabile essere spontanei. Meglio pesare le parole, fare attenzione anche ai piccoli gesti, perché il rischio di essere fraintesi è sempre presente. Potrei fare decine di esempi, questo è stato solo l'ultimo episodio. E' capitato che non riuscissi a scaricare un file indispensabile per il lavoro che sto facendo. Ebbene ho avuto la pessima idea di chiedere aiuto a un tizio, un ingegnere informatico, che già conoscevo e che in quel momento si trovava in casa mia. Pensavo ingenuamente che per un professionista sarebbe stata una questione banale di pochi min, inoltre l'ho colto in un momento in cui non stava facendo assolutamente nulla. Ebbene il mio gesto è stato interpretato più o meno così: 1) vieni a rompermi le b@lle mentre mi sto rilassando; 2) non sono in grado di risolvere il problema ("non è il mio campo"...lol), mi metti in una posizione spiacevole.
Un altro punto importante è che sto imparando a non andare mai oltre il "protocollo", non chiedo nulla, comunico lo stretto indispensabile. Ormai ho rinunciato a cercare un dialogo su questioni che implichino un minimo di sforzo cerebrale. La politica è off-limits (prevenire lo scontro oppure evitare l'imbarazzo di smascherare la propria ignoranza?), curiosità e sete di conoscenza non ne vedo quindi ok, mi limito a fissare il vuoto nell'attesa di tornare ai miei oneri.

Citazione :
mah... ritengo assurdo giudicare chi e' meglio e chi e' peggio. Sono anche d'accordo che tutto considerato, tra Italia e Svezia c'e' una forbice piuttosto ampia a favore della Svezia.

Beh ma questo è ovvio. L'Italia è la periferia del mondo sviluppato, non ci sarebbe neanche tanto da discuterne secondo me.
In ogni caso, personalmente credo che la Svezia sia un posto dove ha senso vivere per qualche anno solo se si ha un lavoro soddisfacente. A livello di rapporti umani e vita privata, soprattutto se si è single, c'è da sacrificare parecchio, e sinceramente ora come ora sento che forse sarebbe meglio non crearsi aspettative (certo non escludo di poter rimanere piacevolmente sorpresa in futuro). In effetti non è realistico pensare di poter costruire facilmente rapporti di amicizia sincera o amore quando le differenze culturali sono così profonde. Forse bisognerebbe avere la fortuna di incontrare svedesi con esperienze internazionali, giusto per non finire ghettizzati come la maggior parte degli stranieri.
Torna in alto Andare in basso
Bad Grass Admin
Amministratore
Amministratore
avatar

Numero di messaggi : 1278
Età : 39
Localizzazione : Sollentuna
Data d'iscrizione : 19.07.07

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Mag 25, 2014 4:56 pm

Astrud ha scritto:

Queste sono le mie conclusioni dopo un mese abbondante di convivenza con svedesi (ovviamente non posso sapere quale sia il trend generale nel Paese, faccio solo riferimento alla mia personale esperienza).

Quando ci si rapporta con loro, anche nelle banali faccende della vita quotidiana, è altamente sconsigliabile essere spontanei. Meglio pesare le parole, fare attenzione anche ai piccoli gesti, perché il rischio di essere fraintesi è sempre presente. Potrei fare decine di esempi, questo è stato solo l'ultimo episodio. E' capitato che non riuscissi a scaricare un file indispensabile per il lavoro che sto facendo. Ebbene ho avuto la pessima idea di chiedere aiuto a un tizio, un ingegnere informatico, che già conoscevo e che in quel momento si trovava in casa mia. Pensavo ingenuamente che per un professionista sarebbe stata una questione banale di pochi min, inoltre l'ho colto in un momento in cui non stava facendo assolutamente nulla. Ebbene il mio gesto è stato interpretato più o meno così: 1) vieni a rompermi le b@lle mentre mi sto rilassando; 2) non sono in grado di risolvere il problema ("non è il mio campo"...lol), mi metti in una posizione spiacevole.
Un altro punto importante è che sto imparando a non andare mai oltre il "protocollo", non chiedo nulla, comunico lo stretto indispensabile. Ormai ho rinunciato a cercare un dialogo su questioni che implichino un minimo di sforzo cerebrale. La politica è off-limits (prevenire lo scontro oppure evitare l'imbarazzo di smascherare la propria ignoranza?), curiosità e sete di conoscenza non ne vedo quindi ok, mi limito a fissare il vuoto nell'attesa di tornare ai miei oneri.

Beh, spero che tu non pensi che tutti siano così. In generale, posso dire che gli Svedesi cercano di aiutare, se possono. Magari senza impegnarsi più di tanto ma se chiedi una cortesia come quella del tuo caso, i più tanti non ti negano di spenderci qualche minuto.
Riguardo agli argomenti tabù, come la politica: secondo me è verissimo. Ne parlavo giusto ieri con un'amica, la quale però sostiene che non sia vero che non si possa parlare di politica. Io, tuttavia, continuo a pensare che sia un argomento off-limits: in quattro anni di Svezia non mi è mai capitato di sentir parlare di politica tra Svedesi.
In ogni caso, come dico sempre a chi vive a Stoccolma e pressi: è una città grande, dove vivono tante persone di culture e idee diverse. Sicuramente ci sono anche gli Svedesi chiaccheroni, che amano il confronto e che non si tirano indietro se qualcuno gli chiede un favore (ne conosco personalmente). Wink 

_________________________________________________
Torna in alto Andare in basso
http://rinascitaalnord.wordpress.com/
Astrud
Scoiattolo
Scoiattolo
avatar

Numero di messaggi : 35
Localizzazione : Sollentuna
Data d'iscrizione : 01.10.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Dom Mag 25, 2014 6:40 pm

Bad Grass Admin ha scritto:
Beh, spero che tu non pensi che tutti siano così.

Astrud ha scritto:

Queste sono le mie conclusioni dopo un mese abbondante di convivenza con svedesi (ovviamente non posso sapere quale sia il trend generale nel Paese, faccio solo riferimento alla mia personale esperienza).

 Wink 

Solo una piccola precisazione: mi stavo riferendo ad un tipo particolare di aiuto, quello disinteressato. Smile Capisco che tendenzialmente siano gentili e disponibili, il punto è in quale contesto.
Comunque la mia esperienza è ancora troppo limitata per trarre giudizi veri e propri. Diciamo che queste sono più che altro prime impressioni.

Bad Grass Admin ha scritto:
Sicuramente ci sono anche gli Svedesi chiaccheroni, che amano il confronto e che non si tirano indietro se qualcuno gli chiede un favore (ne conosco personalmente). Wink

Bene. Avevo bisogno di un po' di positività in questo momento, grazie. Smile
Torna in alto Andare in basso
Paolo86
Volpe
Volpe


Numero di messaggi : 100
Localizzazione : Stockholm
Data d'iscrizione : 19.03.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Mar Mag 27, 2014 12:00 am

I miei colleghi sono arrivati direttamente a chiedermi per cosa avrei votato in Svezia alle elezioni europee mentre parlavano di politica tra loro...sarà l'eccezione che conferma la regola comunque. Secondo me conta molto quanto si conoscano e rispettino le persone.
Torna in alto Andare in basso
cantona
Lepre
Lepre


Numero di messaggi : 61
Data d'iscrizione : 27.04.13

MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   Mar Mag 27, 2014 7:04 pm

Ora che sono dentro ben bene anche nel mondo lavorativo posso dire qualcosa in più sulla Svezia.
Ho letto commenti un po' di tutti i tipi, da quelli che sparano a zero sulla Svezia a quelli che la idolatrano. Anche nei blog del settore è così.
Ma è giusto che sia così in fin dei conti, ognuno scrive quello che vive personalmente.
Io sapevo che non avrei trovato il paese perfetto, e ammetto che mi sono trasferito unicamente per due motivi, la moglie (svedese), ma soprattutto il lavoro,
dato che ne io ne lei in Italia riuscivamo a mettere insieme uno stipendio decente. In realtà se fosse stata una situazione diversa lavorativamente saremmo ancora in Italia,
dato che la moglie si è comunque trovata bene nonostante tutti i nostri difetti.
Io finora devo dire che mi sto trovando bene, certo ci sono cose che mi mancano, specialmente come ho detto altre volte frutta e verdura, poi su come sono gli svedesi che dire,
sono come gli italiani grosso modo, ce ne sono per tutti i gusti, io vedo sul mio lavoro ci sono persone estremamente aperte e cordiali, con cui dopo un mese uscivo già a cena e nei weekend, ed altre con cui oltre un "Hej!" non si va..ma era così anche in Italia.
Sul fatto che siano chiusi, non si possa ad esempio discutere di politica, ed altro...tendenzialmente è vero, almeno sempre per le mie esperienze, ma se sei bravo ad intuire la persona che hai davanti e ti sbilanci, poi ti si apre un mondo. Bisogna essere bravi a sbilanciarsi e a trovarli, ma si trovano. Poi concordo con chi dice che rispetto alle novità vanno in sbatti, vedo al lavoro che seguono alla lettera cosa dicono i manuali (lavoro a scuola),e se il bambino non rientra nei parametri non sanno cosa fare, oppure propongono attività copiate e incollate dai libri, senza modificarle alle esigenze del gruppo, ed altro, però dall'altra parte se uno ha idee e porta cose nuove, è sempre ben accetto, io sono in questa scuola da soli 5 mesi e mi danno il contratto a tempo indeterminato ora, sarà perché poi faccio ricerca in università, sarà perché (e lo dico con un pizzico di orgoglio) stravedono per la pedagogia italiana, ma in questo ultimo mese mi stanno facendo fare praticamente la rivoluzione didattica a scuola.
Su altre cose bisogna farsi l'abitudine, ma si può anche cambiare, penso a chi si lamentava delle lavatrici condominiali, io ho risolto il problema all'origine, mi sono comprato la mia lavatrice e la mia asciugatrice e li ho piazzati in casa. Problema risolto. Comunque a quanto ne so nelle case di nuova costruzione non ci sono più, o tendono ad eliminare le lavatrici in comune. Questa era una cosa degli anni 50-60 quando non tutti potevano permettersi una lavatrice e l'asciugatrice. Poi è rimasta.
Sui favori ed altro, dipende, trovi quelli disponibili e quelli meno, come ovunque.
Insomma, conflitti si, ma anche aspetti positivi. Onestamente non so se tornerei in Italia se ne avessi la possibilità (Certo la famiglia manca e sarebbe l'unica molla), magari andrei in Francia o Svizzera per avvicinarmi, ma per il momento devo dire che qua nonostante appunto certi limiti, che non sono neanche pochi, mi sto trovando bene.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo   

Torna in alto Andare in basso
 
Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo
Torna in alto 
Pagina 2 di 2Vai alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Valutazione della Svezia per chi ci vive da un po' di tempo
» Per chi si è trasferito in Svezia, perché proprio la Svezia?
» I lati bui della Svezia
» Mercato del lavoro attuale in Svezia per gli stranieri.
» ciao amanti della svezia, buona giornata a tutti !

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
mondosvezia :: Vivere in Svezia :: Noi viviamo qua !-
Vai verso: